Bando MOF, Accili: “Grazie al sostegno della Fondazione per la Scuola potenzieremo il modello finlandese in tutta Italia”

by redazione
166 views

L’eccellenza del sistema educativo finlandese è ormai un dato di fatto, conclamato da anni dai più autorevoli studi internazionali. Ma qual è il segreto del successo di questa piccola nazione nordica?

Alla base del modello finlandese c’è una filosofia educativa ben precisa, che pone al centro lo studente e le sue esigenze. L’apprendimento è visto come un processo naturale e coinvolgente, da facilitare piuttosto che da forzare.

Il Modello Organizzativo Finlandese (MOF) nasce 11 anni fa per iniziativa di Antonella Accili, Dirigente Scolastica dell’Istituto Omnicomprensivo “Della Rovere” di Urbania. La sperimentazione trae ispirazione dal sistema scolastico finlandese e dalle più avanzate realtà scolastiche a livello internazionale, come quello canadese. Tuttavia, il MOF non è una semplice replica del sistema finlandese, bensì un adattamento alle normative e alle esigenze italiane. Infatti, viene adattato in Italia in base alla regolamentazione del nostro paese. È interessante notare che, grazie al successo del MOF, i finlandesi hanno mostrato interesse nel modello ideato dalla Dott.ssa Accili, soprattutto per la fascia di età 3/7 anni in cui la Finlandia è ancora deficitaria. La città di Espoo, infatti, ha ospitato una mostra degli studenti della rete MOF di questa fascia di età e un intervento pubblico della dott.ssa Accili.

Il cuore del metodo è la compattazione oraria, sia all’interno della stessa mattinata (verticalmente) sia in giorni consecutivi (orizzontalmente). Cooperazione, autonomia e inclusione, uniti a progetti di cittadinanza attiva, educano gli studenti ad essere cittadini del mondo in un’economia sostenibile. Questo permette di trattare un argomento in profondità con un approccio interdisciplinare. 

Ancora, lezioni interattive, apprendimento cooperativo e un ambiente di apprendimento positivo per stimolare la curiosità degli studenti e il loro senso critico, rendendoli protagonisti del proprio percorso di apprendimento.

Pratica e laboratori permettono di ridurre il carico di lavoro da svolgere a casa. Quando possibile, le lezioni si svolgono all’aperto. Autovalutazioni alternative si affiancano ai voti numerici.

Il progetto “Fondazione per la scuola” porta il modello organizzativo finlandese nelle scuole italiane, con l’obiettivo di rivoluzionare il sistema scolastico e renderlo più dinamico, inclusivo e innovativo. In che modo? Attraverso il Bando MOF 2023.

«Il bando per l’avvio della sperimentazione del Modello è stato aperto per la prima volta nel 2023 nella città di Torino – ci rivela la Dirigente Scolastica Antonella Accili – ma rientra in un progetto di più ampio respiro chiamato Le Città dell’Educazione, per cui ogni anno il bando sarà esteso a una città diversa». 

Grazie ad esso, cinque istituti scolastici hanno intrapreso il percorso di implementazione del MOF nel secondo quadrimestre dell’anno scolastico 2023-2024. L’adesione prevede un impegno quadriennale caratterizzato da un percorso formativo, accompagnamento e tutoraggio personalizzato per avviare la sperimentazione e consolidarla, mandandola a regime entro il 2026/2027.

Attualmente le Scuole della Rete MOF in Italia sono 87 e hanno ottenuto risultati notevoli, con un forte coinvolgimento dei docenti e un miglioramento degli esiti di apprendimento degli studenti. Il sistema finlandese, inoltre, vanta un tasso di abbandono scolastico tra i più bassi al mondo.

Il progetto rappresenta un’occasione unica per migliorare il sistema scolastico italiano e dare ai nostri studenti le competenze di cui hanno bisogno per affrontare il futuro.

Fondazione per la scuola è una branca della Compagnia di San Paolo di Torino che ha come presidente l’ex ministro della pubblica istruzione Francesco Profumo. La rete MOF è sostenuta anche da Sanoma, agenzia internazionale leader nella formazione e nell’educazione, e dall’INDIRE che ha reso l’Omnicomprensivo della Rovere di Urbania capofila nazionale delle Avanguardie Educative per l’uso flessibile del tempo scuola. 

«È un onore per me e per i miei docenti lavorare con un ente prestigioso come Fondazione per la scuola della Compagnia di San Paolo, e sono sicura che sarà un arricchimento reciproco per noi del MOF e per loro. Altre istituzioni importanti si stanno interessando al MOF e presto vi potremo annunciare nuove strade entusiasmanti» conclude la Dirigente Scolastica.

Per l’INDIRE la dott.ssa Accili terrà un seminario il 22 marzo 2024 alla Fiera Didacta a Firenze.

ARTICOLI CORRELATI